Ministro di François Hollande: «altro che dittatore! Hugo Chávez è Charles De Gaulle e Léon Blum»

Ministro di François Hollande: «altro che dittatore! Hugo Chávez è Charles De Gaulle e Léon Blum»

di Gennaro Carotenuto -
Per il governo francese: ce ne fossero di dittatori come Chávez che per 14 anni ha difeso i diritti umani e lottato contro l’ingiustizia!
E così, con dichiarazioni forti del ministro capo della delegazione ufficiale francese ai funerali, anche nel cuore dell’Europa, del potere e dell’Internazionale socialista si rompe il «pensiero unico» che ha finora demonizzato la figura di Hugo Chávez e i governi integrazionisti latinoamericani e si apre una nuova fase che chiama in causa le sinistre europee finora sempre fredde rispetto all’esperienza bolivariana.

A Caracas non c’era solo il fotografatissimo presidente iraniano Mahmoud Ahmedinejad. C’erano anche i rappresentanti di mezza zona Euro e in particolare di Francia e Spagna. Il governo di François Hollande è stato il più importante tra quelli della zona Euro a inviare una delegazione ai funerali di Hugo Chávez, capeggiata dal ministro e militante del partito socialista Victorin Lurel.

Tale presenza si è rivelata tutt’altro che formale e va a rendere più complesso il dibattito su Chávez  in Europa dove, nonostante le sempre ingenti campagne di disinformazione, qualche elemento di equanimità si è aperto. Val la pena esaminare il suo punto di vista di Lurel che, in dichiarazioni a RTL e Europe1, ha contestato nettamente la dizione «dittatore» con la quale viene demonizzato lo scomparso presidente venezuelano:

«Tutt’altro che dittatore! Hugo Chávez è stato Charles De Gaulle e Léon Blum (il dirigente principale del Fronte popolare di sinistra che governò la Francia negli anni ’30, foto). Chávez è stato De Gaulle perché è stato capace di un cambiamento fondamentale delle istituzioni venezuelane ma è stato anche Léon Blum, e con ciò intendo il Fronte popolare, perché ha incarnato la lotta contro l’ingiustizia». E poi Lurel ha proseguito: «sono sicuro che mi sarà rimproverato, ma penso che il mondo guadagnerebbe ad avere molti dittatori come Chávez che, durante 14 anni, ha promosso e rispettato i diritti dell’uomo».

Un endorsement così chiaro per Hugo Chávez da parte di un dirigente del Partito Socialista, membro dell’Internazionale socialista, vicinissimo a François Hollande, nella Francia dove già il Front de Gauche, a sinistra del PS, si era mostrato vicino al leader bolivariano, fa spazio ad un dibattito che finora era stato impossibile in Europa e fa stridere ancora di più il silenzio delle istituzioni italiane. A parte un messaggio, sufficientemente caloroso, di Giorgio Napolitano, il governo Monti non ha inviato nessuno alle esequie (Francia, USA e oltre 60 paesi del mondo, tra i quali sei della zona Euro, invece erano presenti) del presidente di un paese (e un continente) con il quale l’Italia ha storici rapporti. Anche i dirigenti dei partiti di centro sinistra non hanno ritenuto di partecipare al lutto popolare non solo evitando di inviare delegazioni ufficiali ma perfino evitando -a quanto risulta- qualunque dichiarazione. Che la pietra dello scandalo della giustizia sociale rappresentato da Chávez per la sinistra italiana faccia più paura da morto che da vivo?





 

Sostieni il Partito con una




 
Appuntamenti

PRIVACY


Sostieni
Rifondazione Comunista
con una
donazione





o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.