Rsu contro la riforma delle pensioni della Fornero, appuntamento venerdì 20 dicembre a Milano

Rsu contro la riforma delle pensioni della Fornero, appuntamento venerdì 20 dicembre a Milano

Venerdì 20 dicembre si terrà a Milano un’assemblea nazionale per «aprire una vertenza generale per ripristinare i requisiti di accesso alla pensione vigenti prima della controriforma Fornero. Risanare la previdenza facendo pagare ai ricchi e ai privilegiati e costruire un vero sistema solidale». (info su: https://www.facebook.com/rsu.contro.riforma.fornero)

Paolo Ferrero ha dichiarato: «Sarò presente all’assemblea nazionale contro la riforma delle pensioni, autoconvocata a Milano da oltre 140 Rappresentanze Sindacali Unitarie di altrettanti posti di lavoro. Questa assemblea è molto importante in primo luogo perché la Riforma Fornero è un disastro che sta producendo disastri e quindi i delegati sindacali autoconvocati giustamente ne chiedono l’abolizione. In secondo luogo l’assemblea è importante perché gli operai riprendono la parola dentro questa crisi e lo fanno in modo unitario e con parole d’ordine chiare. La cosa che manca in Italia è un sano conflitto di classe che contrasti le politiche di governo e padroni. L’assemblea di Milano di venerdì può essere un primo positivo passo nella direzione giusta».

21 Commenti

  1. facciamo un referendum e abroghiamo la legge fornero sulle pensioni.

  2. la legge fornero purtroppo è stata necessaria dopo anni di consociativismo.
    Lo stato mandeva in pensione dopo 15 anni di lavoro.
    Altri enti a 50 anni mandava in pensione donne ed altri agevolati.
    Adesso si dovrà esagerare dal versante opposto per pareggiare l’età media dei pensionati che in italia è troppo bassa.
    Per giunta la vita media si è allungata, quindi nessuno deve andare in pensione prima di 65 anni.
    Mi direte che <Berlusca aveva fatto una bella leggina: chi voleva rimanere al lavoro dopo l'età pensiomabile prendeva senza pagarci tasse tutto il valore aggiunto della contribuzione, la metteva direttamente in tasca. Ecco cosa doveva fare la Fornero..

    • Mimimetallurgico

      Martino sei un “purpu”

    • la pensione dopo 15 anni è stata abolita da più di 20 anni, la legge Fornero non ha modificato nulla in merito. quello che ha fatto è di portare l’accesso alla pensione a prescindere dall’età da 40 a 42 in media tra donne e uomini

    • Flavio Grandepenis

      Martino tu dopo averlo preso svariati anni nel sedere battendo sotto le stazioni non senti l’esigenza di andare in pensione?

  3. Ho aderito con e-mail all’iniziativa dell RSUcontroFornero.
    Ci rimane solo una possibilità, insistere per un Referendum
    sull’abrogazione della scellerata Rirfoma Fornero.
    La tensione Sociale, oggi ad Agorò è salita al 67%, significa
    che un vero Italiano su due è disponibile a tutto pur di fare
    valere i propri diritti e castigare la vera Casta!!!!!!
    Spero che dall’assemblea venga fuori una vera proposta seria
    dopo 2 anni esatti di lassismo completo.
    In bocca al lupo!!!!

  4. Ritengo sia importante e giusto che il nostro partito partecipi all’iniziativa del 20 Dicembre a Milano assieme ai lavoratori e insieme a loro provare a ripartire non prestando più attenzione alle banali ipocrisie della Camusso ,alla democristianità del PD e alla stupida superficialità di SEL in oltre anche io come altri già hanno detto ritengo che sarebbe giusto proporre un referendum per abrogare la riforma Fornero sulle pensioni tanto amata anche dal nuovo segretario e padrone indiscusso del Partito Democratico.

  5. Spero tanto che l’iniziativa delle RSU sulla riforma delle pensioni della Fornero diventi un grande movimento di massa al quale , Rifondazione Comunista, deve dare tutto il suo impegno, anche con le poche forze ormai rimaste e non inseguire Nikivendolismi, Landinismi e Rodotaismi e vie maestre varie….che servono solo a coprire le politiche sociali criminali del PD.

  6. Cominciamo di nuovo a raccogliere le firme per un referendum abrogativo della legge Fornero; varrebbe più di mille chiacchiere e si possono contattare migliaia di persone su fatti e problemi concreti della nostra gente.

    • Più di mille chiacchiere…poi ci sono le chiacchiere buone e quelle false e in malafede (vedi pd e solidali). La politica comunque sta diventando un mondo di chiacchiere, e non solo lei.

  7. la congiura degli eguali

    la classe operaia ricomincia ad agire come classe dirigente, e che sia un nuovo inizio di un percorso lineare capace di coinvolgere tutti gli esclusi.

  8. Gianni Bonizzi

    Era ora, continuare con una lotta immediata per il diritto al lavoro
    e contenporaneamente portare avanti l’isnegnamento di ” diventare padroni
    del proprio destino “

  9. Scusate mi correggo…”sul modello degli Stati Uniti d’America”. Stefano Colussi.

  10. Per me Paolo Ferrero (che non conosco e che non ho mai votato) ha già fatto tutto quello che, secondo me e in questo momento, di deve fare: aggregare tutte le forze politiche omogenee su un candidato presidente europeo. Mi pare e, se non ho letto male, che Ferrero darà una mano al candidato presidente dell’estrema sinistra greca. Oggi ci si deve concentrare su questo “progetto politico”, perchè è un passo in avanti per la costruzione degli “Stati Uniti d’Europa” e verso l’elezione diretta del suo presidente. Sul modello degli “Stati Uniti d’Europa”. Grazie per la ospitalità. Stefano Colussi, Cervignano del Friuli, EU

    • dacci adriana

      E tu Stefano Colussi che cosa hai fatto per dare una mano prima di oggi? Visto che approvi l’intervento di Paolo Ferrero?

  11. Spero che questo sia veramente l’inizio di un nuovo e forte protagonismo del PRC, come partito di classe, indipendentemente dai risultati della manifestazione delle 140 sigle di venerdì a Milano. Basta attendismi del partito. Al congresso ho votato il doc.1. Però io ed altri compagni con cui ho parlato, siamo disposti ad aspettare l’ 11 di gennaio (riteniamo che questo rinvio per le nomine, in questo caso, sia stata una scelta giusta), ma non oltre.

  12. Quqndo iniziai a lavorare si andava con 35 anni a qualsiasi età, oggi siamo arrivati a 42 (solo la bella addormentata nel bosco parla di 40 come numero magico) e 67 di età, con prospettive in crescita. Inoltre i rendimenti delle pensioni saranno infinitamente più bassi (un tempo si percepiva più di pensione che dell’ultimo stipendio) e i giovani di oggi, crocefissi ad un precariato umiliante e criminale, avranno si e no quanto una pensione minima di oggi. Un disastro totale: le forze migliori rese inattive e costrette ad avere come unico lavoro il macerarsi interiore e i consumi che crollano per il crollo dei redditi. OLtre a questa vertenza che spero abbia sbocchi positivi non si era anche parlato di un referendum sull’argomento?

    • e ti sembra normale che uno andava in pensione a 55 anni con una pensione maggiore dello stipendio ?
      La riforma Fornero ci voleva tutta, peccato che come al solito si sono chiusi i cancelli dopo che i buoi sono scappati…

      • ERa più alta (in realtà era più o meno lo stesso) solo perchè erano minori le trattenute (quelle per la previdenza ad esempio non vi erano più). Il problema casomai è un altro: che un tempo nell’esercito i colonnelli diventavano generali pochi mesi prima della pensione e poi prendevano la pensione da generale. e a te sembra normale che dopo 40 anni di versamenti si percepisca una pensione da fame? Che si sia fatta una legge che permette ai parenti dei migranti over di avere un assegno sociale più alto delle pensioni minime di gente che ha versato tutta una vita? E ti sembra normale che la casta goda di pensioni da favola dopo solo (da un giorno a 1 legislatura)?

    Registrati per ricevere gli aggiornamenti e la Newsletter

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette + 4 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.