“Progetto Ansaldo”, l’allarme della Fiom: inconcepibile

“Progetto Ansaldo”, l’allarme della Fiom: inconcepibile

di Riccardo Chiari – il manifesto -
Non c’è fine al peggio. Il piano del governo Letta sulle Ansaldo conferma la loro dismissione da Finmeccanica e tutt’al più una sorta di “parcheggio” delle tre aziende nel Fondo strategico della Cassa depositi e prestiti. Lì dove entreranno, con robuste quote di minoranza, colossi come Doosan per Ansaldo Energia, e Hitachi Rail per Ansaldo Sts e per una Ansaldo Breda che prima però dovrà essere “spezzata” in due (newco e badco), visto che il Fondo della Cdp non può investire in aziende in perdita. Al di là del bizantinismo del progetto, come andrà a finire è presto detto: Doosan e Hitachi poco alla volta finiranno per mangiarsi due gioielli del made in Italy nel mondo come Ansaldo Energia e Ansaldo Sts, e l’unica azienda ferroviaria italiana, Ansaldo Breda.

Il “progetto Ansaldo” fa saltare sulla sedia la Fiom. I metalmeccanici della Cgil attendono che il ministro Zanonato risponda nel question time alle domande di Gennaro Migliore e Giorgio Airaudo di Sel. Poi non si trattengono più: «La Fiom ritiene inconcepibile – denuncia Massimo Masat – che due gioielli industriali vengano ceduti rafforzando l’industria estera. Consideriamo a dir poco miope proporsi di racimolare capitali stranieri attraverso la svendita di quel po’ di buono che è rimasto dell’industria italiana. Si rischia la desertificazione del nostro apparato produttivo».

Il coordinatore nazionale Fiom del gruppo Finmeccanica ricorda: «Dalla metà del 2011, Finmeccanica ha dichiarato l’intenzione di cedere asset importanti come Ansaldo Energia e come il settore ferroviario. Nonostante questa condizione di variabilità, Ansaldo Energia e Ansaldo Sts hanno continuato ad aumentare volumi produttivi, fatturato e profitti, dimostrando una grande solidità industriale». Le conclusioni sono presto dette: «Va sottolineato che queste aziende, come Ansaldo Breda, sono indirettamente controllate dallo Stato, che è il maggior azionista di Finmeccanica. In sostanza è il governo che dovrà spiegare le ragioni di queste cessioni». Che la Fiom ritiene inaccettabili: «Attrarre investitori stranieri dovrebbe significare agevolare l’insediamento di nuove aziende sviluppando occupazione, e non cedere imprese di qualità mettendo a rischio la stessa occupazione».

Ancor prima delle risposte del ministro, l’ex sindacalista Airaudo aveva già immaginato che andasse a finire così: «Si rischia di utilizzare la Cassa depositi e prestiti per nuove operazioni di cessione, invece che di rilancio industriale». Un allarme condiviso da Rifondazione: «Il governo blocchi immediatamente le nuove privatizzazioni – chiede Paolo Ferrero – che ripeterebbero lo stesso film: vantaggi per i ricchi, danni per il paese, disastri per i lavoratori». Anche la leader della Cgil Susanna Camusso, nella lettera di ieri al Corriere della Sera sulla non-politica industriale del governo, ha riservato un inciso ad Ansaldo Breda e Ansaldo Sts: «Come immaginare una politica dei trasporti senza poter contare su una capacità produttiva di riferimento?».

Parole al vento, viste le risposte “copia e incolla” del ministro Flavio Zanonato («Occorrono partnership anche internazionali che consentano un miglioramento della posizione di mercato delle aziende e un loro inserimento in sinergie internazionali che ne potenzino la competitività e ne allarghino gli sbocchi di mercato«), insieme alle miope, brutale e divisiva conclusione del presidente ligure Burlando: «L’intervento della Cassa depositi e prestiti deve fare pulizia dove bisogna farla, serve una bad company per Ansaldo Breda: non si può più consentire che Breda impedisca la crescita di Ansaldo Sts». Per il presidente della Liguria «l’intervento della Cassa depositi e prestiti deve fare pulizia dove bisogna farla, serve una bad company per Ansaldo Breda»


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.