Nazionalizzare l’ILVA

Nazionalizzare l’ILVA

di Augusto Rocchi -
Siamo ormai ad un punto cruciale per il futuro dello stabilimento siderurgico di Taranto, così come per gli altri stabilimenti del gruppo e senza enfasi per la siderurgia italiana. Sono di fronte a tutti le palesi inandempienze del gruppo Riva nell’applicare quei provvedimenti indispensabili a rendere compatibile la presenza industriale con la vivibilità dei cittadini.
La proprietà dopo aver incamerato utili consistenti in questi anni , spesso a danno delle condizioni di lavoro sia in termini di carichi di lavoro che delle condizioni di sicurezza (una delle più alte percentuali di infortuni, anche mortali e non spiegabili con la pericolosità delle lavorazioni) ed alla salute dei cittadini con tassi di inquinamento insopportabili, invece di ottemperare alle ordinanze della magistratura prosegue nel ricatto della chiusura dello stabilimento, magari per ottenere che lo Stato si accolli costi ed impegni per le bonifiche e gli interventi strutturali necessari.
Uno stabilimento siderurgico, per le caratteristiche del ciclo produttivo oltre che per i costi, non può restare fermo per lungo tempo.  Di fronte alle disposizioni della magistratura di sequestro giudiziario verso Riva Fire di 8 miliardi ,peraltro non trovati (chissa in quale società o conto off shore all’estero i Riva li avranno dirottati) si minaccia  di nuovo il blocco dell’attività produttiva e la chiusura dello stabilimento. A front di questa situazione ormai intollerabile il Governo deve intervenire in modo netto: riappropriarsi del gruppo industriale, recuperare gli 8 miliardi ed attuare il piano di risanamento previsto garantendo il futuro produttivo ed occupazionale degli stabilimenti. Si fa un gran parlare della necessità ,nella crisi economica che il Paese sta vivendo , del rilancio della crescita economica e dell’occupazione :tutte chiacchere se poi si permette la chiusura di una grande realtà industriale strategica, che ha mercato e che produce utili ed occupazione. Questa vicenda industriale è quindi strategica non solo per Taranto e per la siderurgia italiana ma per l’intero Paese. Si può coniugare questa produzione industriale con una nuova qualità ambientale, come le esperienze in varie parti del mondo dimostrano.  Lo si può fare se lo Stato si riapproria del suo ruolo di programmazione ed indirizzo economico attraverso il suo intervento diretto nella realizzazione di un nuovo sviluppo industriale.

Augusto Rocchi Resp.Naz. Dip. Economico del PRC


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.