L’«altrosindaco» che Filippeschi non ascolta

L’«altrosindaco» che Filippeschi non ascolta

Riccardo Chiari -
Sulla carta non c’è partita: con la destra berlusconiana spaccata in due e i pentastellati che soffrono la mancanza di un consolidato radicamento, per Marco Filippeschi la strada sembra in discesa. Il ricandidato sindaco di Pisa, alla testa di una coalizione Pd-Idv-Sel-Psi, in campagna elettorale si è però fatto notare soprattutto per le sue assenze ai confronti con gli altri candidati. Ha partecipato ai due forum organizzati dai quotidiani cittadini Nazione e Tirreno. E ha snobbato il resto.
Vista l’ossessione di Filippeschi per la “legalità”, da lui declinata con la raffica di ordinanza securitarie che hanno segnato il primo mandato, era da mettere in conto la sedia vuota all’ex Colorificio Liberato. Mai avrebbe messo piede nell’ex fabbrica dismessa occupata dalle trenta associazioni del Progetto Rebeldìa, dove pure il primo giugno farà tappa la Costituente dei Beni Comuni guidata da Stefano Rodotà. Ma disertare anche l’appuntamento nella istituzionale Stazione Leopolda, organizzato da un gruppo di storici ambientalisti pisani per parlare di temi caldi come il consumo del suolo e un’amministrazione giudicata troppo accondiscendente agli interessi dei privati, non trova giustificazioni. Se non il rifiuto di ascoltare le motivate critiche alle politiche ambientali e urbanistiche della giunta uscente, fatte da Valeria Antoni del M5S come da Salvatore Montano del Pdci. Soprattutto da Francesco Auletta, l’«altrosindaco», candidato della lista di cittadinanza Una città in comune e del Prc, aderente al network ideato dalla Repubblica Romana di Sandro Medici.
Sostenuto dai movimenti, dall’acqua pubblica a rifiuti zero, dai gruppi di acquisto solidale e dalle realtà lavorative più attente ad analizzare e denunciare gli effetti di una crisi che sta precarizzando e impoverendo anche la ricca e universitaria Pisa, il “rebelde” Auletta ha costruito quartiere per quartiere la sua candidatura. Con la stesura collettiva di un programma dichiaratamente in controtendenza con l’attuale amministrazione. E con la riscoperta di principi costituzionali come la funzione sociale della proprietà privata, e il riconoscimento delle comunità.
Nel loro lavoro gli attivisti di Una citta in comune e del Prc che sostengono Auletta hanno trovato l’appoggio di personaggi come Adriano Prosperi, Francesco Gesualdi ed Ezio Menzione. Nel programma sono denunciate le concessioni al partito trasversale del mattone, le alienazioni sottocosto del patrimonio immobiliare pubblico, e viene chiesto un patto per l’utilizzo sociale dei 4mila appartamenti ufficialmente sfitti. Soprattutto dalla sinistra diffusa pisana che sostiene Auletta è arrivato in campagna elettorale un progetto compiuto di città. Sostenuto da una visione integrata dei fattori economici, scientifico-culturali, sociali e ambientali che già esistono e che possono essere valorizzati. In alternativa all’attuale modello “privatistico” che anche a Pisa sta segnando il passo.

Il Manifesto – 24.05.13

3 Commenti

  1. se riuscissimo a superare il 3% come coalizione si potrebbero già cominciare a portare un paio di rompicojoni in consiglio comunale più lo stesso sandro medici.
    oggi sono sceso a roma, noto eccetto i soliti quartieri dove le sezioni sono radicate ed eccellenti (monteverde, spinaceto, garbatella) una quasi totale assenza di manifesti.
    Tra l’altro i manifesti che abbiamo usato stavolta sono bellissimi.
    Niente faccioni e grafica classica prima rifondazione/pci .
    usiamoli.
    Il risultato non è impossibile da raggiungere e un buon risultato a roma sarebbe una grancassa mediatica più forte di quella di napoli.
    Per conto mio oggi ho speso 30 euro di ricarica al cellulare in sms da inviare a tutti quelli che conosco per invitarli a votare sandro medici e falce e martello, e a far girare l’sms.
    Se tutti quelli che frequentano e scrivono su questo sito decidessero di investire almeno 5 euro di ricaricA per fare altrettanto, di sicuro contribuirebbero a rompere l’isolamento che i media di regime hanno posto sopra di noi e renderebbero più facile da raggiungere un buon risultato che metterebbe ulteriormente in crisi il bipolarismo morente.
    Invito tutti e tutte i compagni e le compagni ad attivarsi con questo piccolo sacrificio

  2. Sti’ Svizzeri

    TICINO – Si firma “Una spina nel fianco” e da qualche tempo invia lettere nelle case di alcuni noti comunisti ticinesi!

    Qualche giorno fa anche Sergio Barenco, ex membro del Partito Socialista, amico di Cuba e membro di BelTicino, passato qualche anno fa ai Verdi, ha ricevuto una lettera da “Una Spina nel fianco”.

    Nella lettera oltre ad alcune citazioni “non violente” del Che, viene paragonata l’immagine di una casa di un comunista cubano a quella che si presume sia la casa del comunista ticinese.

    “Caro Signor Barenco,

    capiamo che a lei piacciano i sigari cubani, il sole di Cuba e le belle donne cubane, e loda il comunismo, perchè lei non ha provato sulla sua pelle cosa è veramente il comunismo.

    Certo lei è nato e vive in un paese libero e democratico, ha una bella villa e una pensione dorata, quindi è bello fare il “Comunista per Hobby”

    Cordiali saluti, Una Spina nel Fianco”

  3. Forza Auletta!

Trackbacks/Pingbacks

  1. rifonda newsletter – 24/05/13 : Rifondazione Tigullio Golfo Paradiso - [...] L’«altrosindaco» che Filippeschi non ascolta [...]
    Registrati per ricevere gli aggiornamenti e la Newsletter

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre + 5 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.