La primavera della Dignità

La primavera della Dignità

di Raffaella Bolini -
In Italia se ne parla al passato, ma sull’altra sponda del Mediterraneo il Forum sociale mondiale resta la più grande rete di organizzazioni sociali democratiche del pianeta. Ed è in pieno sviluppo.
Il Forum della Dignità che si apre oggi a Tunisi, il primo in un paese arabo, è qualcosa di straordinario che va guardato e valorizzato, perfino con gratitudine. Perché per noi europei del sud il Mediterraneo è l’unico spazio dove è possibile comporre un progetto positivo di uscita dalla crisi. Senza una nuova Europa multipolare e multi-identitaria, che apprezzi le diversità invece di imporre un modello unico, saremo sempre Pigs.
Noi italiani parteciperemo a centinaia al più grande evento mai organizzato dalla società civile democratica del Maghreb, ospiti di associazioni e sindacati che fino a due anni fa non potevano neanche organizzare una riunione senza finire in galera. Sono attori sociali che hanno contribuito a cacciare un dittatore, che hanno scelto la strada costituzionale, e la perseguono coerentemente nonostante sia difficile, convinti che alla democrazia non ci sia alternativa. Hanno risposto con la partecipazione popolare nonviolenta all’assassinio di Chokri Belaid, agli attacchi alle sedi sindacali e alla cultura laica da parte dei salafiti. Sanno che la democrazia è una strada in salita, e su quella camminano. Il Forum per loro è prima di tutto una grande mobilitazione politica per tenere aperto e allargare lo spazio democratico nel loro paese e nella loro regione. E hanno chiesto al mondo di andare a Tunisi per aiutarli in questa impresa.
Sarà un grande incontro degli attivisti democratici della regione, moltissimi i giovani, da tutti i paesi del Maghreb e del Mashrek. Per la maggior parte di loro, sarà la prima esperienza internazionale: è stato fatto un grande lavoro per coinvolgere studenti, giovani disoccupati, donne, emigrati -non solo dalle città ma dalle zone rurali e periferiche. È il frutto della tessitura fatta in questi anni dal Forum Sociale del Maghreb, che ormai coordina i sindacati e le organizzazioni sociali di tutta l’area, guidato dall’intelligenza paziente e visionaria dei democratici marocchini e da figure come Kamal Labhib, incarcerato negli anni di piombo di Hassan II, che ora guida la società civile nei processi di democratizzazione e nel processo di pace dal basso con i saharawi.
Gran parte dei dibattiti sarà dedicata ai temi per loro centrali: la transizione democratica, la relazione fra religione e democrazia, gli estremismi religiosi, il ruolo delle donne, il grande tema del lavoro e dello sviluppo, le guerre, la Palestina, i migranti.
La primavera araba non è diventata autunno. È fatica e intelligenza quotidiana di attivisti che difendono unghie e denti lo spazio pubblico della regione condivisa, reinventando partecipazione e democrazia, esattamente come dobbiamo fare qui.
* Consiglio Internazionale del Forum Sociale Mondiale – Presidenza nazionale dell’Arci

Il Manifesto – 26.03.13

1 Commento

  1. I wanted to make a quick word to thank you for some of the marvelous techniques you are showing at this website. My time consuming internet look up has now been rewarded with high-quality know-how to exchange with my companions. I ‘d suppose that many of us visitors actually are really lucky to dwell in a really good community with many special individuals with very beneficial basics. I feel rather grateful to have encountered your entire web site and look forward to tons of more entertaining minutes reading here. Thanks a lot once more for everything.

Trackbacks/Pingbacks

  1. rifondanewsletter – 26/03/13 : Rifondazione Tigullio Golfo Paradiso - [...] La primavera della Dignità [...]
    Registrati per ricevere gli aggiornamenti e la Newsletter

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ sette = 12

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

PRIVACY



Sostieni il Partito con una

o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.