Per evitare la guerra che Obama sta preparando l’Europa non deve essere atlantica ma neutrale

Per evitare la guerra che Obama sta preparando l’Europa non deve essere atlantica ma neutrale

di Paolo Ferrero – ilfattoquotidiano.it – Oggi saremo in piazza a Roma contro Obama. Non è un fatto rituale ma la presa d’atto che la strategia di Washington, lungi dal puntare alla distensione internazionale e alla pace affermate a parole, è finalizzata alla ricostruzione di un nuovo mondo bipolare basato su un nuovo equilibrio del terrore.

Dico questo perché:

1) Negli anni scorsi l’amministrazione Obama ha abbandonato la strategia di Bush che aveva portato all’invasione dell’Afganistan e dell’Iraq da parte dell’esercito statunitense. Questa strategia è stata sostituita con una strategia tesa a provocare la guerra civile – a partire da contraddizioni esistenti – in quei paesi ritenuti nemici degli Usa. E’ quanto è avvenuto in Libia, in Siria ed in Ucraina. E’ quando sta avvenendo in Venezuela. In Libia oggi vi è una guerra per bande che ha riportato il paese al medioevo ma non è più un paese “nemico”. In Siria la guerra civile foraggiata dai regimi amici degli Usa sta portando il paese alla rovina. In Venezuela l’opposizione al legittimo governo democraticamente eletto e al legittimo e democraticamente eletto presidente Maduro, sta alzando il livello militare dello scontro e cercando di portare nel paese la guerra civile. In Ucraina, l’appoggio alla rivolta di Kiev ha portato ad un cambio di regime e dato vita ad un governo filo occidentale in cui i neonazisti hanno ministri e grande potere.

2) In questi ultimi due anni gli Usa stanno premendo pesantemente per dar vita a due zone di libero scambio, uno nell’area del Pacifico (unico paese non coinvolto la Cina) e uno nell’area atlantica (il Transatlantic Trade and Investiment Partnership su cui ho fatto due post su ilfattoquotidiano.it in data 19 e 24 luglio 2013).

3) Nella vicenda dell’Ucraina, l’annessione della Crimea da parte della Russia è stata utilizzata come scusa per attuare sanzioni nei confronti della Russia, per annettere l’Ucraina alla Ue e per firmare con l’Europa un accordo sulla fornitura di gas naturale da parte degli Usa con la prospettiva di sostituire le forniture di gas russo. A tal fine negli Usa si sta potenziando enormemente l’estrazione di shale gas nel proprio paese, dando vita ad un vero disastro ambientale.

Su questa vicenda è bene sottolineare tre elementi. Il primo è che la Crimea, oltre ad essere abitata da una popolazione prevalentemente Russa, era territorio russo fino al ’54, quando Kruscev la donò all’Ucraina nell’ambito della disciolta Urss. In secondo luogo che l’indipendenza della Crimea è sul piano del diritto internazionale certo meno problematica dell’indipendenza del Kossovo, riconosciuta e sollecitata da Unione Europea e Stati Uniti. In terzo luogo è del tutto evidente che la Russia se non sarà posta nelle condizioni di vendere il proprio gas all’Europa, lo venderà a qualcun altro e nello specifico alla Cina che di quel gas e di quel petrolio ha un enorme bisogno. L’operazione statunitense sull’Ucraina ha quindi l’obiettivo chiaro di costruire un muro tra Russia ed Europa e di legare ulteriormente l’Europa al proprio carro.

Il risultato di questa strategia è abbastanza chiaro: determinare una uscita dalla crisi della globalizzazione in termini di rinnovata egemonia degli Usa sul complesso dei paesi cosiddetti occidentali – e non solo – in aperta contrapposizione alla Russia e alla Cina. Il tentativo degli Usa è cioè quello di ricostruire artificialmente un bipolarismo sul piano mondiale che porta con se un fortissimo rischio di guerra con gli effetti che tutti noi possiamo facilmente capire. Abbiamo evitato l’apocalisse nucleare nella fase della guerra fredda, gli Usa la stanno riportando all’attualità per il prossimo periodo.

Noi ci battiamo per una prospettiva diversa: pensiamo che il mondo non debba essere unipolare o bipolare ma multipolare. Pensiamo che un mondo multipolare sia maggiormente al riparo dalle guerre, maggiormente aperto ad una prospettiva di cooperazione e maggiormente permeabile alle istanze della democrazia e della giustizia sociale in ogni singolo paese.

Per questo ci battiamo affinché l’Europa sia indipendente dagli Usa e abbia nel rapporto con la Russia e con il Mediterraneo un punto fondamentale del suo posizionamento geopolitico. Noi siamo contro una Europa Atlantica e favore ad una Europa che esca dalla Nato e che faccia del suo rapporto con la Russia e con i paesi che si affacciano sul Mediterraneo, della neutralità e della cooperazione, il punto cardine della sua esistenza.

Per questo a partire dalla lotta al liberismo vogliamo rimettere a tema lo sviluppo del welfare, della riduzione dell’orario di lavoro, della democrazia, della riconversione ambientale e sociale dell’economia così come della neutralità e della pace. Per questo ci battiamo con la lista Tsipras contro questa Unione Europea in nome di un’altra Europa e non per il ritorno ad un impotente nazionalismo. La grande proletaria si è già mossa una volta e non è andate distante.

67 Commenti

  1. E se il Papa cominciasse a scomunicare qualcuno……………??????

  2. la congiura degli eguali

    sicuramente la giovin “barbara” a scuola avrà appreso l’elenco dei seguenti interventi umanitari degli yankee:
    iran 1953: rovesciamento di “mossadeq”; barbara saprà chi era mossadeq!,
    guatemala: dal 1953 rovesciamento del governo, istituzione e protezione di un governo filo-u.s.a., responsabile di 200mila vittime;
    costarica: 1955-1970 tentativi di rovesciare “figueres”; barbara sapra sicuramente dai libri di scuola chi era “figueres”:
    medioriente 1956-1958: tentativi di rovesciamento del governo siriano,pressioni sui governi di libano e giordania, sbarco di 14 mila soldati in libano, cospirazione per rovesciare “nasser”: su nasser barbara avrà letto pagine di storia;
    indonesia 1957-1958: tentativi di rovesciare “sukarno”; chi fosse sukarno lo, sanno anche le pietre, per cui barbara che ha studiato infinite pagine di storia conoscerà anche questo particolare di storia asiatica;
    haiti 1959 uso di forze armate u.s.a. per fermare la rivolta contro il dittatore “douvalier”; barbara avrà appreso dai libri di storia chi fosse “papà doc”;
    inoltre barbara a scuola avrà appreso quanto segue:
    congo/zaire: 1960-65 e 77-78 estromissione del premier “patrice lumumba”; sostegno all’insediamento e al mantenimento della dittatura di “mobutu”;
    brasile 1961-64: approvazione e supporto del colpo di stato contro “joao goulart”; sostegno alla dittatura militare;
    cuba dal 1959: quarant’anni ed oltre di attacchi terroristici, attenatti dinamitardi, tentativi di invasioni militari, famosa quella della “baia dei porci”, barbara ne conoscerà ogni dettaglio essendo molto afferrata in storia, sanzioni,embargo, isolamento ed assassinii;
    indonesia 1965: sostegno all’insediamento della dittatura “suharto” e sostegno al massacro da parte dei militari di circa 500mila comunisti;
    uruguay 1969-72: addestramento e organizzazione repressiva contro i “tupamaros”, dalle cui fila proviene l’attuale presidente uruguayano pepè mujica;
    l’elenco dei crimini dei nazisti a stelle e strisce è un elenco infinito, ci vorrebbe una edizione speciale della “treccani” per descrivere il tutto nei minimi particolari;
    la pagina attualmente si chiude momentaneamente con l’ideazione, sostegno militare e finanziaro ai nazisti ukraini per il golpe di questi giorni; barbara che è molto istruita nel suo giovane cervello avrà memorizzato tutto, per cui nessuno potrà definirla ignorante.

    • Visto che ti sei preso la “briga” di rispondere a un tale o una tale barbara, devo farti notare alcune dimenticanze. Solo alcune, perché sicuramente c’è molto altro ancora.
      Schiavismo: almeno 650.000 schiavi “importati” negli Stati del Sud. Usati “a gratis” nelle piantagioni di tabacco, cotone, zucchero, caffè. Esempio di accumulazione primaria del capitale. Nasce da qui la civiltà occidentale moderna.
      E gli indiani d’ America? Che fine hanno fatto? La pulizia etnica venne approvata come legge nel 1830. L’ efficienza dello sterminio indiano destò un’ enorme ammirazione in Hitler che lo definì grande esempio per la “soluzione finale”.
      E Hiroshima e Nagasaki? Tra i 100.000 ed i 200.000 morti immediati (a parte il resto). Bombe sganciate il 6 agosto del 1945, a guerra praticamente finita?
      E l’ aggressione al Vietnam? Con 550.000 militari? Ha causato 5 milioni di morti (1 milione di militari e 4 milioni di civili). Per fortuna l’ hanno persa.
      E l’ 11 settembre cileno di Salvador Allende? E l’ Argentina di Videla?
      E molto, molto altro ancora.
      E le 725 basi militari Usa in giro per il mondo? Che ci fanno? E’ scritto forse sulla Bibbia? Ma ci sono delle persone che pensano ancora che l’ umanità possa avere un futuro in questa situazione? Ci sono delle persone che pensano ancora che il capitalismo ed il mercato possano dare un futuro al genere umano e non solo ?

      • la congiura degli eguali

        giacomo, infatti ho scritto che per elencare tutte “le buone azioni” dei nazisti a stelle e strisce ci vorrebbe una edizione speciale della treccani; buone azioni per loro perchè se ne servono per affamare e distruggere intere regioni e nazioni del pianeta; gli yankee vorrebebro considerare tutto il pianeta come il loro cortile di casa.

  3. Lucrezia dla balma

    Martino,tè trop ciapà an tla testa. Parpiasì esageruma nen !

  4. c’è chi si chiede il motivo per il quale noi che non siamo comunisti seguiamo quel che succede tra i (pochissimi) comunisti rimasti…
    ho già risposto, ma lo ripeto.
    i medici studiano i malati mica i sani.

    • Patrizia B.

      Però avete sbagliato sito. Questa non è una clinica e non abbiamo posti letto per ricoverarvi.

    • tranquillo……,dopo il “1989″(in occidente…!)vi siete ripresi una bella rivincita(e ne stiamo vedendo le conseguenze……!),ma…,la partita è ancora molto lunga!!!!.la storia ci dirà, chi è il “medico”, e chi il “paziente”!!!!.certo, “te”….,sei già in “lunga degenza”!!!!

  5. come già detto, sono nata nel ’93, quindi vi dico che tra le giovani generazioni, di comunismo non si parla proprio, ma proprio per niente.
    Nemmeno un pochino…e nemmeno tra chi è di sinistra !
    E se qualcuno lo accenna, lo accenna sempre come qualcosa di completamente sorpassato, finito…e finito male.
    Su questo sono d’accordo tutti, a sinistra, a destra, al M5S…ovunque !
    Ma d’altronde non c’è da stupirsi, basta studiare, e documentarsi, per sapere che il comunismo non potrebbe essere altro che dittatura.
    E comunque, chi ci pensa più ?
    A noi interessa trovare delle soluzioni moderne per migliorare il paese.

    • Nel ’93 avevo 38 anni e giravo in lungo e in largo il sud est asiatico, prima che tu nascessi avevo già fatto la stessa cosa in Africa e centro sud America, prima che tu avessi 10 anni mi muovevo in estremo oriente …. ho perfino una figlia che ha la tua età …. Ma tu dirai : che c’entra col comunismo ? C’entra, c’entra …

    • Un vecchio in sud America mi ha detto una volta : quando tu te ibas, yo estaba regresando …

      • Mi vengono i rimorsi perchè ti insegno uno spagnolo sbagliato, è perchè ho imparato a parlarlo por la calle, on the road per meglio dire … Quando si scrive cuando, con la c di c.ulo e non con la q di quadro ….

      • complimenti GIAMTA…E BEATO TE CHE HAI GIRATO IL MONDO ….

    • Cara Barbara, anche io sono [giovane ,47 anni+], abbiamo un po ‘tutti l’enciclopedia,internet,libri e affini, quello che c’e’ oggi ,un vero REVISIONISMO PURO -IGNORANZA PURA,…rinnegando l’emblema e il significato del partito politico…invece informarsi ,significa educazione civica .non solo del partito ,bisogna conoscere , ma ,anche di ogni nazione …

  6. Questa Barbara (di nome e di fatto) 0 è una miliardaria o è una cretina patentata,che non s’accorge del pericolo Renzi. Il PD è stato conquistato definitivamente dalla destra e attualmente fa una politica di destra (vedi le dichiarazioni di Alfano). Questo governo mi ricorda in peggio il governo Tambroni.

    • Patrizia B.

      La seconda.

      E con questo ho anche capito perché ci fanno fare le tabelline: qualcosa di più intelligente, per alcuni/e equivarrebbe a censura :D

      • la parola intelligente non ti riguarda minimamente, dato che sei un emblema d’imbecillità.
        Non capisci neanche che siete stati sonoramente bocciati dai cittadini italiani, istruiti ed intelligenti.
        Il comunismo non lo vuole nessuno, nè chi vota, nè chi non vota.
        E questo è senza appello !

      • “Patrizia”,è la chiara dimostrazione,della tua tesi!!!.

      • Patrizia B.

        Cvd. Traduzione for dummies: come volevasi dimostrare :D

        Attenta alla testa…

        • si nota che sei così analfabeta da non riuscire neanche a decifrare un paragrafo di storia delle elementari.
          Cos’è, e cosa è stato il comunismo lo sanno tutti, eccetto gli analfabeti come te, che ignorano anche la storia più basilare.
          Non potevi essere altro che comunista, talmente sei ignorante, analfabeta e imbecille.

        • non c’era bisogno di una conferma del fatto che sei un emblema di imbecillità, si era già capito…

          • Patrizia B.

            Non innervosirti, piccina, che fa male alla salute.
            Baci, baci, baci.
            E attenta alla testa :D

          • ma io non sono nervosa
            tu piuttosto, che parli ossessivamente di teste….

  7. Scusate compagni. E’ un buon intervento. Su questa base si può ripartire con una serie di iniziative politiche, di lungo periodo, sulla pace, sui veri interessi dei popoli europei, spiegare perché dalla crisi che attanaglia il capitalismo occidentale si tenta di uscire con le guerre di aggressione, con l’ organizzazione di colpi di stato, ecc.. Argomenti anche ottimi da usare nella prossima campagna elettorale europea. Si poteva, ad esempio, usare questo articolo di Ferrero, per stimolare all’ interno del partito un’ impulso ad iniziative in tal senso. Purtroppo, per l’ ennesima volta, si ricade nella trappola del botta e risposte delle solite provocazioni. E’ vero sono poste in maniera dilettantistica, ma non sono casuali. Speriamo che il sito venga veramente rivoltato. Così non serve.

    • i popoli europei sanno dove si trovano i loro interessi.
      In un rinnovamento completo della politica, una riduzione della burocrazia e dei tecnocrati, un aumento degli stimoli per una sana competizione basata sulla meritocrazia.
      E gli usa ci appoggiano in questo percorso di progresso voluto dai popoli liberi.
      Senza dimenticare le fasce meno abbienti, e per questo il PSE avrà un importante ruolo da svolgere, in quanto rappresenta ampiamente tutto lo spazio politico di sinistra.
      Ovvio, è il partito socialista europeo, e lì di sinistra ce n’è a sufficienza, non serve altro.

      L’importante adesso è rilanciare l’occupazione, i consumi, quindi tutta l’economia, e il Jobs Act è la soluzione più efficace e mirata.
      E anche oggi Renzi ha ribadito “no ai veti dei sindacati”.
      Infatti era assurdo che con la scusa dell’art. 18 si volesse impedire la flessibilità.
      La flessibilità per le imprese e la semplificazione generale del mercato del lavoro faranno ripartire il paese.
      Con dei valori di meritocrazia, d’impegno, di lavoro onesto, di competenza professionale, che renderanno la società più giusta, moderna e dinamica su tutti i fronti e da tutti i punti di vista.

  8. L'Arte Del Pensiero

    Però dite la verità tra tutti i troll, Martino è er mejo.
    Se faceva il cabarettista sarebbe stato il numero 1.
    Lecca il deretano in modo spettacolare un servilismo che solo un grande artista può avere, nessun politico si sognerebbe mai di dire certe cose, facendo le dovute astrazioni da Giovanardi e non ricordo il nome aiutatemi, quel radicale che è diventato portavoce del Berlusca.
    Infatti la fame nel mondo si combatte con le bombe, visto che non c’è nulla da mangiare un po’ di polvere da sparo fa passare l’appetito, la vergogna ormai è a briglia sciolta e chi la ferma più.
    Se non si capisce che il terrorismo è un effetto è meglio sparasi, il nemico è l’imperialismo è l’oppressione dei popoli, poi chiaramente alcuni utilizzano sistemi di lotta sbagliati almeno dal nostro punto di vista, spesso i guerriglieri vengono chiamati terroristi nonostante combattono contro obiettivi militari.
    Mentre la realtà ci conferma che i veri terroristi sono gli eserciti regolari in prima linea i soliti americani, quando si sganciano centinaia di tonnellate di bombe sulla popolazione inerme, cos’è quello? poi le bombe atomiche ce le siamo scordate?
    I proverbi non sbagliano mai: er bove dice cornuto all’asino!
    Lo sai qual’è la questione che tu li rappresenti entrambi.
    Buona serata

    • e meno male che la tua è arte…del pensiero.
      E se non lo era….non voglio pensarci..
      Capezzone è il nome che non ricordavi, un viscido, come tutti quelli che circondano il B per spillargli quattrini.
      Almeno B è stato un originale, ha creato da nulla aziende, squadre di calcio, partiti….
      Quelli che gli ruotano intorno solo parassiti e mignotte.

      Oggi bisogna solo sperare che Obama e Putin trovino un accordo. Stop
      (e stamane danno notizie che fanno ben sperare in tal senso)
      Putin si tenga la Crimea e lasci l’Ucraina libera di scegliere dove stare..

      • La Crimea è stata libera di scegliere dove andare, l’Ucraina un po’ meno visto che ha subito un golpe nazista foraggiato dal tuo amico Obama.

        • che facciano elezioni regolari ed il popolo sceglierà con chi stare…e tutti devono accettare.
          Questa è la base dell’accordo tra Putin ed Obama.
          Tutte le opzioni in campo devono essere rappresentate alle elezioni.

          • Le elezioni regolari c’erano già state prima che venissero vanificate dal colpo di stato Usa-Ue. Adesso vedremo quanto lo saranno le prossime con le squadracce naziste che imperversano per il paese con il sostegno di Washington. E se poi per caso dovesse vincere l’opposizione filo russa (anche se in queste condizioni sarà ben difficile) cosa farete un altro colpo di stato?

          • Sembra facile… dopo UKRAINA-CRIMEA…ci sara’TRANSISTIA- MOLDAVIA-DNESTR…DOPO ANCORA AZERBAJGIAN E DOPO…IN SERBIA VOJVODINA?…

    • L’ex radicale portavoce e non solo, di Berlusconi ? Capezzolone, quello che soffre del complesso di Edipo e che assomiglia a Martino …

  9. La barzelletta del giorno : Barbara alias modem è “pienamente d’accordo” con Martino alias modem. Questa, inoltre, è davvero una cag….ta pazzesca !!!!

    • È la loro lotta “di classe” ….

    • Arte del pensiero, alias Attila è d’accordo con Giamta alias Emanuele…

      Siete UNO solo voi , e ne è la prova statistica che prendete due soldi di voti.
      Statisticamente non “non comunisti” siamo 60 milioni, quindi è normale che siamo tanti…e tanti commenti…
      Chiaro il concetto ?
      Oppure andate a pagina 777 di televideo, ve lo spiegano a gesti col linguaggio per i non udenti…

      • Io non ho bisogno di essere due persone: io sono emanuele e non gimta. Io sono un comunista ma qualcuno mi ha ribazzato socialdemocratico perché credo che si possa raggiungere il comunismo in modo pacifico e come obbiettivo di lungo periodo. Oggi iniziamo a cambiare l’Europa, domani l’Italia, dopo domani gli Stati Uniti o i paesi del terzo Mondo e infine cambiamo tutto.

  10. Io non credo alle mie orecchie: unirsi agli Usa? Prima cambiamo l?europa poi cambieremo gli Usa e allora potremo essere tuttuno, ma un passo alla volta! Gli Usa di Obama sono peggio di quelli di Bush in politica estera: Libia, Siria, Ucraina e Venezuela… dividi et impera

  11. L’europa deve diventare tutt’uno con gli USA
    Certo, il pericolo comunismo è debellato, come il vaiolo o la peste , la russia non è più un pericolo, a mio parere.
    Abbiamo solo due forze in campo che secondo me dovrebbero unirsi contro il terrorismo e la fame nel mondo. Questi oggi sono i problemi. Non il comunismo

    • Se il pericolo non è la Russia e non lo è nemmeno la Cina mi vuoi dire da chi dovremmo difenderci ? Dalla korea del Nord ?

      • infatti ho detto che oggi abbiamo 2 forze in campo (tre, ho sbagliato, c’è anche la Cina)
        Quando saranno tutt’uno contro terrorismo e fame nel mondo, e non ci sarà più rivalità tra loro, potremo ridurre le spese militari.

    • pienamente d’accordo (con Martino ovviamente)
      E come Renzi ha ricordato ieri, il legame tra italia e usa non potrà che rafforzarsi ancora di più, possiamo stare tranquilli.
      L’espressione “tutt’uno con gli usa”, riguardo all’europa, mi piace, è proprio quel che ci vuole, è quel che auspichiamo tutti, e tutto indica che ci stiamo arrivando.
      D’altronde la repubblica italiana è stata fondata su dei valori democratici, ed è sempre stata dalla parte giusta, ovvero con gli usa, che hanno impedito l’arrivo di una dittatura comunista in italia.
      Ma adesso è tempo di guardare avanti, insieme agli usa, per una società più giusta, dinamica, solidale, basata sui diritti umani e con un’economia efficiente per la crescita ed il progresso.

    • Il volto della fame nel mondo è quello dell’Imperialismo. Altro che unirsi!

      • voi che avete una visione del mondo così distorta volete essere uniti a cuba, con il regresso e la dittatura.
        Per fortuna siete rimasti pochissimi.
        E non impedirete certo il progresso della nostra società.
        Purtroppo i veri valori di libertà e democrazia sono per voi incomprensibili.
        Mentre la grandissima maggioranza del popolo è di buon senso, mica dà retta a certe sciocchezze !

        • Ma cosa intendi tu per dittatura ? Secondo te un governo del popolo si può chiamare dittatura ? Personalmente non considero dittatura nemmeno un governo del proletariato, cosa un po’ diversa dal popolo … e secondo voi Barbara e Martino quello che esiste in Italia è un governo del popolo ? Per gli ultimi tre governi addirittura non ci sono state nemmeno libere elezioni politiche …. Secondo voi un governo che accetta che esistano milioni di disoccupati, sottooccupati, lavoratori e pensionati ridotti alla fame, è un governo del popolo ? Per me la dittatura è quella esistente, la dittatura del capitalismo …

          • la dittatura del proletariato o del popolo non esiste.
            Esistono “energumeni” che si ergono a paladini, in verità sanguinari dittatori, con pretesa di rappresentare il popolo, ma senza alcun mandato effettivo.
            Anzi, il popolo è vessato da costoro.
            Quanto al ns. governo che sopporta milioni di disoccupati, sarebbe semplice fare come a cuba: 100 dollari a testa al mese ed ecco lo stipendio per tutti (loro veramente ne prendono 50)
            Ma sinceramente preferisco le nostre democrazie dove il reddito medio è 14.000 euro a testa, ed i disoccupati sono mantenuti in gran parte (dato che sono giovani) dai genitori, che hanno buon reddito

          • Vabbè, inutile continuare, già si sapeva …. non mi meraviglio se tu pensi di vivere nel paese delle meraviglie …

        • È interessante sta cosa che ci sono delle neo liberiste ( ce l’hai il neo ? ) e liberisti che scrivono su sito del PRC, un partito che ha lo 0,8 % dei voti e quindi non dovrebbe impensierire nessuno e più ancora nel caso si sciogliesse come neve al sole apporterebbe ben che vada per voi, uno 0,2% di voti qua e là nei vari partiti che comandano, una apporto talmente minimo che non farebbe cambiare certamente le cose nè in meglio nè in peggio …. Penso che ciò sia dovuto a vostri problemi inconsci, di cui ovviamente non siete a conoscenza, e penso anche non sarebbe così difficile far uscire alla luce del sole questi vostri “mostri” nascosti, basterebbe che a qualcuno venisse la voglia di farlo, oppure potreste farlo voi con un po’ di autoanalisi che non guasta mai …

      • Patrizia B.

        La grandissima maggioranza del popolo è tanto di buon senso e non da retta a quelle che chiami sciocchezze, tranquilla, che fra un po’ ricompariranno le ghigliottine.
        Buon divertimento al ballo delle teste.

        Elezioni 2013:
        25% astensionismo
        25% M5s

        Un bel partitone di gente che non ne può più di né voi, né del vostro capitalismo puzzolente di sangue e fogna.

        • il M5S è un movimento antipolitico, e non anticapitalista.
          Stessa cosa per gli astensionisti.
          Se fossero anticapitalisti avrebbero votato un partito comunista, senza astenersi o votare il M5S.
          è troppo difficile da capire ?
          e a quanto sta il PRC ?
          allo 0,8% ? neanche, pare che stia calando ancora.
          infatti la gente non dà retta alle vostre sciocchezze comuniste.

          metà della popolazione è apolitica/qualunquista
          un’altra metà vota CSX o CDX

          e gli anticapitalisti quanti sono ?
          0,7 o 0,8% di comunisti
          siete proprio tantissimi…

          • Patrizia B.

            Qualunquisti o meno, la testa finiranno col tagliarvela ugualmente.

            Dopo anni e anni di calunnie e censura contro il comunismo, le persone magari adesso non ci votano, ma le idee di libertà non muoiono mai e il marxismo sta tornando in auge persino negli Usa.
            Purtroppo per voi, nel frattempo, ci rimetterete la testa.

          • inutile che parli di teste per tentare di nascondere il fatto che la tua è completamente vuota, tanto lo si nota benissimo.
            Il comunismo ha dimostrato di essere l’antitesi della libertà.
            Per questo è sparito, il marxismo essendo incompatibile con i paesi liberi.
            Questo lo dobbiamo anche e soprattutto agli USA, che hanno mostrato a tutti che la sinistra, nella sua versione evoluta di CSX, è incompatibile con le cretinate del comunismo.
            Infatti il modello dei democratici è preso direttamente dagli USA.
            Negli USA la libertà è il valore più importante, ecco perchè hanno sempre tenuto il comunismo lontano dalla società, ovvio, una dittatura non la vuole nessuno.

          • Patrizia B.

            Eccerto, la libertà, sì.. di derubare gli altri.
            Ve la taglieranno, tranquilla. Non aver paura che è un attimo, non fa tanto male.

          • parli ancora, testa vuota ?
            fatti visitare alla neuro, anche se, l’unica cosa che potranno costatare è il vuoto totale.
            comunque, per i casi come te c’è il ricovero.

          • Hahaha …. Dov’è che si risponde ? hahaha ….

  12. L’Europa deve essere una, solidale e alfiere della libertà dei popoli. Non può essere schiava del liberismo economico, così come non deve essere succube di Washinton. La nostra europa è quella di Mazzini, di De Gasperi e di Altiero Spinelli, ma è anche figlia del nostro internazionalismo, del nostro “proletari di tutto il mondo unitevi”. L’Europa è da cambiare ma è il nostro orizzonte futuro.

    • Poveretto, il delirio é una grave malattia !!!!

      • Io credo che l’Europa deve essere partigiana della libertà e della solidarietà! La neutralità è indifferenza, l’indifferenza è assenza di uminità! Dobbiamo sviluppare come Europa una lotta contro le ingiustizie, ci vuole un piano per risollevare le nostre economie, ma anche intervenire per migliorare a livello mondiale la condizione dei lavoratori. Basta stipendi da fame ai minatori del sudafrica, basta con i bambini lavoratori in Bangladesh, basta con le sturture in tutto il mondo. L’ingiustizia dovunque nel mondo esista è un pericolo contro la giustizia in tutto il mondo!

  13. Giamta il ritorno

    L’unione europea così com’è non funziona, quindi o la si cambia radicalmente oppure la si scioglie. In entrambi i casi l’Europa che ne scaturirebbe o l’Italia, dovrebbero lasciare la Nato e aderire al movimento dei paesi non allineati, dichiarandosi contrarie ai tentativi di egemonia e/o di ingerenza posti in atto dagli USA nelle varie parti del mondo ….

    • …. chiedo scusa ma “il ritorno” nel nome del mio commento quà sopra non c’entra un tubo, era rimasto in memoria dal commento precedente …

  14. Per evitare la guerra… l’EUROPA non deve ESSERE né atlantica né neutrale : l’EUROPA, tale e quale é oggi,va distrutta : annullare tutti i trattati da quello di ROMA del 1957 a quello di LISBONA, bisogna uscire dall’euro e tornare alla libertà per ogni Nazione. Solo cosi’ la guerra sarà evitata, altrimenti questo strumento del capitalismo e della finanza ci porterà al disastro

  15. Ottimo intervento di Ferrero.
    Lo si può affermare senza essere accusati di essere “ferreriani”? Tra l’ altro non lo sono.

    Registrati per ricevere gli aggiornamenti e la Newsletter

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto × 6 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>